We’re using cookies to give you the best experience possible of Essity.com. Read more about the cookies we use and how to change your settings:

Essity B 287.6 (-1.5 SEK) on 21-Oct-2019 09:54

Select region


Global Site


L’azienda presenta un nuovo progetto di recupero nello stabilimento di Lucca, recentemente premiato per le ottime performance raggiunte nel risparmio energetico

Non si arresta l’impegno di Essity nella ricerca di nuove soluzioni per ridurre il proprio impatto sull’ambiente. L’azienda, leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con i suoi brand TENA, Nuvenia, Tempo, Tork, Demak’Up, Libero, Leukoplast, Jobst e Actimove, ha recentemente installato un nuovo impianto di trattamento delle acque nello stabilimento di Lucca, da poco premiato come Most Energy-Aware Mill per il risparmio energetico raggiunto.

Grazie al nuovo progetto, del valore di 1,4 milioni di euro di investimento, le acque impiegate all’interno dello stabilimento subiscono un trattamento primario e poi vengono scaricate ad un impianto consortile di trattamento. L’impianto è caratterizzato da due vasche di equalizzazione per un volume complessivo di 2000 mc di acqua stoccata, e da un flottatore in grado di trattare fino a 70 mc/ora di acque reflue, rimuovendo fino al 98% dei contaminanti solidi. L’impianto è ad elevata automazione, capace di correggere tempestivamente qualsiasi anomalia.

Un risultato importante che fa seguito al progetto già avviato nel 2015 nello stabilimento di Altopascio dove, per la prima volta al mondo nel settore Tissue, è stato realizzato un impianto prototipale di filtrazione delle acque piovane che permette all’azienda di ridurre fino al 20% l’approvvigionamento d’acqua dalla falda sotterranea, con una diminuzione dell’emungimento pari alla medesima quantità di acqua contenuta in 10 piscine olimpioniche.

Ultimi tasselli di un percorso virtuoso perseguito da Essity nella sostenibilità ambientale che ha portato al raggiungimento di traguardi importanti.

Nel periodo tra il 2010 e il 2018, infatti, Essity in Italia è riuscita a ridurre le emissioni di CO2 dell’11% - circa 8.000 tonnellate di CO2 annue - pari alle emissioni di 5.000 autovetture che percorrono una media di 15.000 Km, mentre il consumo di energia dal 2015 al 2018 si è ridotto del 4%. Inoltre, il consumo dell’acqua da falda è diminuito del 20%.

Particolare attenzione è posta anche al risparmio di energia elettrica: il consumo di energia è diminuito del 4% nel corso degli ultimi 3 anni grazie all’implementazione di strumenti e soluzioni tecnologiche all’avanguardia presenti negli stabilimenti di Altopascio (LU), Porcari (LU) e Collodi (PT).

Essity inoltre, aderisce agli standard FSC, i più elevati e più rispettati al mondo: il 99,9%della materia prima a base di fibra di legno vergine dei prodotti e imballaggi è certificata FSC® o PEFC™ o Controlled Wood.

“Il tema della sostenibilità è un pilastro fondamentale della nostra strategia”, afferma Antonio Zanframundo, Operations Director Italy di Essity.“Da diversi anni ci siamo impegnati ad installare nei nostri stabilimenti strumenti e soluzioni che possano garantire un miglioramento tangibile e misurabile delle performance energetiche aziendali. Siamo orgogliosi dei risultati ottenuti finora, consapevoli di essere sulla strada giusta”.

Contacts

Anna Del Piccolo

Ufficio Stampa Essity

+335 8470267

Alessandra Quintavalla

Ufficio Stampa Essity