We’re using cookies to give you the best experience possible of Essity.com. Read more about the cookies we use and how to change your settings:

Essity B 289.9 (-1.4 SEK) on 24-Aug-2019 17:29

Select region


Global Site


Quattro genitori su dieci non hanno mai parlato delle mestruazioni alle proprie figlie. Nonostante le mestruazioni siano un processo del tutto naturale, le discussioni sul ciclo sono rare e sottotono in qualsiasi strato sociale, a livelli senza precedenti rispetto qualsiasi altro argomento, soprattutto se riguardante la metà della popolazione. Noi ci impegniamo al massimo per infrangere questo tabù. E tu?

I marchi di Essity Nuvenia, Libresse, Bodyform, Saba e Nosotras hanno collaborato recentemente con diversi influencer per realizzare la campagna #bloodnormal, con l’obiettivo di alimentare le conversazioni sul ciclo nella cultura popolare e abituare la gente a parlarne di più.
 
Uno dei contesti in cui è necessario parlare più apertamente delle mestruazioni è l’ambiente domestico. È qui infatti che sono nati i tabù che si tramandano di generazione in generazione. Abbiamo intervistato oltre 10.000 uomini e donne per sondare la diffusione di tale tabù e alcuni risultati sono stati sorprendenti.
 
I dati mostrano che il 56% delle teenager preferirebbero essere bullizzate a scuola piuttosto che parlare del ciclo con i propri genitori. Dal nostro sondaggio Essentials Initiative 2018 è inoltre emerso che il 41% dei genitori non ha mai parlato delle mestruazioni alle proprie figlie. Sono risultati come questi a motivare il nostro impegno a voler fare la differenza e infrangere il silenzio su questo argomento percepito come tabù.
 
Bodyform, uno di principali marchi di prodotti per l’igiene femminile del Regno Unito facente parte della famiglia Essity, ha unito le proprie forze con The Self Esteem Team per affrontare il problema della “povertà mestruale”, offrendo lezioni gratuite e mirate a 2.500 ragazze tra i 12 e i 18 anni.
 
“Ci ha commosso profondamente sapere che alcune ragazze nel Regno Unito non frequentavano la scuola perché non potevano permettersi di comperare gli assorbenti e infilavano negli slip calzini o stracci per assorbire il sangue mestruale” ha commentato Traci Baxter, responsabile marketing per Bodyform. “Non possiamo affrontare i problemi associati al ciclo se non riusciamo nemmeno a parlarne. Dobbiamo combattere i pregiudizi e incoraggiare le ragazze a non vergognarsi del proprio corpo”, ha continuato Baxter. 

L’impatto positivo e il valore che le discussioni sul ciclo mestruale possono avere per le famiglie è enorme. Riuscire semplicemente ad avviare un dialogo può rafforzare la fiducia reciproca tra i membri della famiglia.

Bodyform sta esortando gli altri marchi di prodotti per l’igiene femminile a seguire il suo esempio e ad avviare iniziative per infrangere i tabù e contrastare la “povertà mestruale”.
 
“Le mestruazioni sono un argomento tabù, ma stanno lentamente e inesorabilmente conquistando un interesse sempre maggiore. Pur essendo un momento naturale della vita di ogni donna, se ne parla raramente e sono ancora oggetto di tabù. Sappiamo che tutto ciò ha grandi ripercussioni sull’esistenza delle più giovani”, ha sottolineato Baxter.
 
Come mostrano i dati, i genitori sono in gran parte responsabili di questa situazione a causa della loro mancanza di determinazione nell’affrontare conversazioni sulle mestruazioni con le loro figlie. Abbiamo parlato con Steve Herndon, cabarettista e padre, del suo ruolo di genitore della giovane Saffron. Riflettendo sul ruolo dei padri nell’infrangere i tabù sul ciclo, si è così espresso:
“Direi che il nostro compito dovrebbe essere quello di ascoltare e capire, e avere ovviamente tanta pazienza. La pazienza è indispensabile quando si è genitori, ma soprattutto essenziale per gestire questa situazione. Si sa che le teenager tendono a essere schive e, se non hai mai avuto un dialogo su argomenti personali con tua figlia, sarà un’impresa ardua. Se, però, come uomo hai il coraggio di dirle che ti si può parlare di tutto, falle anche capire che, proprio perché uomo, non sei all’oscuro di tutto e che vuoi essere al suo fianco per sostenerla”, consiglia Herndon.
 
Vista la grande influenza di cui godiamo a livello globale, possiamo affermare che parlare di questo argomento sia tanto importante quanto informare e migliorare l’assistenza. Si tratta di un passo cruciale per la dignità umana e la qualità di vita di milioni di donne e ragazze, ma anche per promuovere l’unità della famiglia. 
 
“L’impatto positivo e il valore che le discussioni sul ciclo mestruale possono avere per le famiglie è enorme. Riuscire semplicemente ad avviare un dialogo può rafforzare la fiducia reciproca tra i membri della famiglia. Per quanto sia logico e naturale volerne parlare con chi ha già avuto simili esperienze, non si tratta soltanto di rafforzare i legami tra madri e figlie. Considerato che soltanto il 3% delle ragazze intervistate aveva sentito parlare per la prima volta del ciclo dal padre, è giunto il momento di coinvolgere padri, fratelli e figli, per far diffondere le conoscenze sull’argomento e allargare la cerchia delle persone su cui poter contare”, afferma Baxter.
 
Ai genitori che hanno difficoltà a parlare con le proprie figlie del ciclo, Steve Herndon vuole dare qualche saggio consiglio sperimentato in prima persona:
 
“È come fare cabaret: la prima volta che sali sul palco ti senti tremendamente a disagio, le ginocchia ti tremano e hai persino la nausea. La seconda volta le ginocchia tremano un po’ meno e la terza ti chiedi perché la prima volta avevi tanta paura.”

Parliamo di igiene e salute con #essentials
 
Fonti:
  • Sondaggio 2017 sulla campagna di brand Essity Femcare Hero II.   Essity ha commissionato un sondaggio online che ha visto la partecipazione di 10.017 uomini e donne di età compresa tra 13 e 50 anni residenti in Paesi diversi tra cui Francia, Paesi Bassi, Svezia, Russia, Messico, Argentina, Sudafrica, Cina, Malesia e Regno Unito.  Le interviste del sondaggio si sono svolte tra il 18 aprile e il 9 maggio 2017. Il margine di errore di questo studio è pari a +/- 0,98%. Il sondaggio è stato condotto da Bilendi, una società globale di sondaggi e ricerche di mercato.

Quattro genitori su dieci non hanno mai parlato delle mestruazioni alle proprie figlie.

- Sondaggio 2017 sulla campagna di brand Essity Femcare Hero II